"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



martedì 22 ottobre 2013

CARMELO BENE 3 (Inspired series - 1)


CARMELO BENE 3
(Inspired series - 1)

 
Carmelo Bene indossa capi di colore viola.
Un oltraggio al popolino dei tespiani da carro.
 
Carmelo Bene elogia Pinocchio il burattino: sepolto prematuramente (echi poeiani?).
Mi chiedo se James M. Barrie lesse Carlo Collodi.
 
Carmelo Bene dice “Eduardo” per De Filippo: improvvido!
Ancora oggi v’è l’uso scellerato del solo nome proprio riferito a persone conosciute dalla gente (non meritevoli di fama, si badi).
 
Carmelo Bene tiene in mano un pacchetto di sigarette marca Gitanes e negli anni le sue labbra si inspessiscono e le sue orecchie si ingrandiscono.
Ecco il legame con Serge Gainsbourg.
 
Carmelo Bene vivo, un documentario per Carmelo Bene morto: brutto titolo: Bravo Bene ([1]) ([2]).
Frattaglie ([3]) per lupi e nulla più: frattaglie da un archivio dimenticato e negato a noi, i lupi che vogliamo i tagli pregiati, le costate, i filetti, ma anche il cuore della Macchina attoriale, dunque l’intero.
 
Marilyn Manson ha visto il Riccardo III di Carmelo Bene?
 
Quando Carmelo Bene stava per morire, nel 2002, gli mozzarono la testa e la posero in un contenitore alla temperatura di 100 gradi Celsius sotto zero, poi scesero al 35° livello di Roma, in un laboratorio clandestino, e cucirono quella testa al corpo indistruttibile del coatto Rank Xerox (ripeto, Rank Xerox), quindi attivarono le pile nucleari e forgiarono l’immortale.
 
 
                                                                                                                      Steg
 
 
 
© 2013 Steg, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera – compreso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.
 




[1] Ma come? Se esiste un album di Patty Pravo (pubblicato nel 1971) dal titolo Bravo Pravo, voi quasi 30 anni dopo non riuscite a discostarvi?
[2] Documentario del 1999 disponibile come bonus nel DVD del Riccardo III.
[3] C’era un programma RAI, del 1981, dal titolo “Tagli, ritagli e frattaglie”, appunto; peraltro riferito solo a esibizioni comiche.

Nessun commento:

Posta un commento