"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



martedì 1 ottobre 2013

SERGE GAINSBOURG


SERGE GAINSBOURG

 

Per me Serge Gainsbourg muore la mattina del 3 marzo 1991 in un albergo decaduto, come molti, di Venezia.
In realtà egli era morto il giorno prima, a Parigi, intorno alle 15.30 ([1]).
Si rimarca che avrebbe dimenticato di assumere la sua “pillola per il cuore”; proprio come era accaduto a Boris Vian, in pare suo mentore, il giorno del suo decesso (nel 1959).
 
Serge Gainsbourg (altrove ho preso spunto da questo artista per un post che non ha avuto molti lettori ([2]); credo egli si meriti qualche pensiero in più) ha avuto diritto, a tutto il 2013, a tre cofanetti qualificati come “integrali” ([3]), il primo e il secondo, fra l’altro, in due edizioni ([4]).
Scontenti della seconda, i fan più appassionati si sono lamentati anche della terza, constante di 20 CD ([5]).
Il suo, reputato, album capolavoro: Histoire de Melody Nelson, è stato ripubblicato in un’edizione in doppio CD (cum DVD) nel 2011, ovviamente con qualche registrazione inedita rispetto alla terza integrale ([6]).
E così via.
 
La maggioranza dei, pochi, italiani che sanno chi fu Serge Gainsbourg di solito hanno in mente soltanto la canzone “Je t’aime, mois non plus” in duetto con Jane Birkin: “roba scollacciata”.
Incidentalmente, Jane Birkin, probabilmente la “più donna della sua vita” è una sorta di Dennis Hopper al femminile in termini di vita artistica e non ([7]).
Belle donne: se Giovanni “Gianni” Agnelli parlava “con le donne” (e non “di donne”), gli altri parlano delle donne di Gainsbourg: anche una non bella come Brigitte Bardot è meglio di Jacqueline Bouvier Kennedy, ma sulla giovane Catherine Deneuve non si discute, e mi fermo qui.
 
La sua traiettoria artistica è spesso riassunta nell’ultima parola del titolo della prima integrale, che egli aveva definito il suo sarcofago: venuto meno Serge, quel cognome Ginsburg (che già aveva modificato moltissimi anni prima ([8])), diventa uno pseudonimo roco, come la sua voce.
 
Se, come dottamente osserva Jeremy Reed ([9]) a proposito di chi se la comprò prima fra i giovani di successo d’Albione, anche nella decade successiva l’acquisto di una Rolls-Royce è quasi obbligatorio ([10]), dunque non stupisce più di tanto se anche Gainsbourg ne compra una nel 1970, ma lui non ha la patente e non sa guidare.
 
Gainsbourg è un esteta anche se non si direbbe.
Ecco perché le fotografie (soprattutto degli interni) della sua casa, non grandissima, in cui trascorse oltre vent’anni – 5bis Rue de Verneuil, Paris 7e Arrondissment (dunque Rive Gauche) – finalmente mi disvelano finalmente una familiarità stilistica che non riuscivo a spiegare.
Quelle stanze, cariche ed ingombre di oggetti sono un clin d’œil di un’altra, ben più grande per dimensioni e fortemente voluta, fortress of solitude ([11]): il Vittoriale dannunziano.
 
Maitre de la provoc, evidentemente, ma non solo per “ragioni motoristiche”.
Lui ebreo, si inventa un album dal titolo Rock around the bunker ([12]) prima delle croix gammée del punk ([13]).
 
Grande autore ([14]) anche per altri artisti, rammento (Alain) Bashung di Play blessures, fino alla fine dei suoi giorni.
C’è anche chi dice che il suo vero successo fu dovuto a dei jeune fiston della banlieu: i Bijou nel 1978 ([15]).
Certo è che da allora questo apparente ometto (ben più alto di quanto sembri) diventa poco a poco un gigante, cui si consente quasi tutto: catch him alive while you can?
 
Chissà cosa avrebbero bevuto e fumato insieme Serge e Carmelo (Bene) se si fossero incontrati diciamo prima del 1985.
La dieta gainsbarriana era di Gitanes e alcool, con il Pastis 51 diventato 102 per i dosaggi prescelti, quella pro die del genio pugliese anch’essa tabagistica (si dice una stecca) innaffiata con due bottiglie di scotch Ballantine’s.
 
 
                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2013 Steg, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera – compreso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.
 




[1] La notizia mi arrivò dalla radio nella mia camera (non c’era televisione): alla fine di un GR RAI mattutino.
[2] Vedi “Quando un libro è ben documentato, può portare molto lontano (ovvero da Serge Gainsbourg all’infinito francese)”. Ivi anche qualche riferimento bibliografico.
[3] In Francia quando si ottiene la intégrale è una consacrazione.
[4] Quella del 1989, intitolata De Gainsbourg a Gainsbarre, passata nel tempo da 9 a 11 CD (vennero aggiunti due CD costituenti semplicemente gli ultimi due album di studio dell’artista); la successiva del 2008, Gainsbourg … Forever, comprendente inizialmente 17 CD più uno di inediti (poi eliminato).
[5] Sono ormai tutte rarità, compresa l’ultima che viaggia sui 200 Euro e oltre (un 25% in più del prezzo originario).
[6] Dello stesso anno ed eponima al suo contenuto.
[7] Primo matrimonio con John Barry, ovvero il compositore delle colonne musicali e sonore più celebri della saga cinematografica di James Bond.
Una piccola parte nel film Blow-up di Michelangelo Antonioni.
Sorella maggiore di Andrew Birkin, cui si deve una splendida opera letteraria (del 1979) dedicata a James Matthew Barrie con riferimento a Peter Pan (contestuale ad una sua versione televisiva (per BBC) molto bella e una meno suggestiva più recente versione cinematografica): J.M.  Barrie and the Lost Boys.
[8] E pretendeva di avere come nome di famiglia Ginzburg per vezzo.
[9] Nel libro The King Of Carnaby Street.
[10]I drive a Rolls-Royce/’cause it’s good for my voice” canta Marc Bolan in “Children of the Revolution”.
[11] Per una volta Superman è meglio di Batman: nel nome del suo rifugio.
[12] Uno dei pochi francesi non ridicolo quando canta in Inglese.
[13] Thelonious Monk nel 1968 con Underground si era permesso una bandiera nazista in copertina, ma l’alto ufficiale delle SS ivi riprodotto era legato.
[14] Come spesso scrivo, la vera ricchezza patrimoniale è ad appannaggio delle opere musicali e non delle registrazioni delle medesime.
[15] Rinvio al bel dossier contenuto nel numero 6 di Schnock del marzo 2013.

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. 1) Sulla morte di Gainsbourg. E' vero che non prendeva più le pillole, ma è anche vero che non è morto per quello. Dopo l'intervento al cuore aveva ripreso a fumare e bere come se nulla fosse, massacrando il suo organismo a livelli inumani. Il suo barman preferito -il magreb all'epoca al Raphael- ne avrebbe da raccontare;
    2) Je T'aime Moi Non Plus. Roba scollacciata, altrochè. Ma la prima versione con BB al posto della Birkin era molto meglio -molto più psichedelica e meno pop. Peccato che Gunter Sachs, all'epoca marito della Bardotta, fece il casino che fece bloccando il disco e dando il semaforo verde all'insulsa versione-Birkin;
    3) 'Melody Nelson' se la gioca con l'orribile 'L'Homme A La Tète De Chou' come suo capolavoro -era una fissazione di Bashung e di mille altri, inspiegabilmente. Ma -alas- chi conosce bene Gaisbourg sa che nessuno dei suoi album storici sta in piedi da solo. Lui era forte nei singoli e nei brani minori pescati qua e là nei primi dischi (in questo senso molto meglio il seminalissimo 'Gainsbourg Percussions'). L'ideale è farsi ognuno la sua antologia con una cinquantina di pezzi (di imperdibili ne ha registrati parecchi di più);
    4) Birkin è sempre stata un tipo un po' così. Maurizio Vandelli mi raccontava di una settimana di sesso sfrenato con lei nell' 'hotel particulier' di Jane, con Serge che poi l'avrebbe preso a pugni in un night club. Ma non ci ho mai creduto, ovviamente;
    5) 'Play Blessures' fu un fiasco clamoroso che fece finire in fretta e furia la collaborazione tra Bashung e Gainsbarre. Se fosse andata avanti il povero Alain avrebbe chiuso baracca e burattini. Altra sorte per il duo Serge/Dutronc, ma la caratura di quest'ultimo è ben altra cosa rispetto a Bashung, che era decisamente inferiore a entrambi;
    6) Tra Serge e Bene sarebbe finita Male, o al limite come nell'incontro tra Serge e il chirurgo al ristorante, descritto nel clamoroso 'Evguenie Sokolov', opera unica -purtroppo- di Gainsbourg pubblicata da Gallimard;
    7) Ah, per qualcuno il Serge del 1978 dovrebbe ringraziare i Bijou??? Tu rigole, mon pote -I BIJOU????? E' la barzelletta dell'anno!!!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina