"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



mercoledì 10 maggio 2017

TASTING VINTAGE URGENCY The Gags, Milano (Italy), punk and beyond, posthumous albums yet to be published)


TASTING VINTAGE URGENCY

(The Gags, Milano (Italy), punk and beyond,

posthumous albums yet to be published)

 

What follows are the liner notes in their final English version of almost 20 months ago for the anthological album by The Gags, it has not been published yet.

As it unfortunate when some “own creations” lay forgotten, and given the fact that life does not wait ([1]), I took the decision to publish them, with very little variations in square brackets.

When the album will be published it may be that my notes will be used in full, partially or not at all. It will not be the first time something like this happens.

 

 

 

The Gags are (were) a Milanese band, hence an international one.

All the artists born in Italy “because of punk” were “from X” or “from Y”, bar those coming from my city (Milano) who – also due to their lack of geographical parochialism – found themselves living in an urban dimension (without the city there would have not been anything, even Rosso Veleno said that) in which we used to buy the current NME issue at Stazione Centale (the main railway station) or at Victoria Station (some even at Paris Gare de Lyon).

 

Such distinctive feature made the Milaneses even too much immune from others’ bad habits, hence the former ones always wanted to do everything on their own, and, often, only for them and some friends, as it happened with Mittageisen 7” single.

After all, if there was no future, what had to be “witnessed” ( a word dear to national hippies) with some “sound documents”? Nothing.

 

The story of “punk and then” in Milano is, by now, well documented, even with my opinions ([2]), thus these notes are just from a different angle, especially due to the fact, strange but true, this anthology of The Gags shall be in the ears and hands of hypothetical younger brothers and nephews (we are like characters of imagination: our families are unconventional) of those of 1977, I wrote seven not eight ([3]).

No “this song is about” in these notes, I am not a musician, it bothers neither me, nor The Gags that I express myself about the tiny details of the album contents.

 

After years of invisibility and of more no future, a few chapters added to their lives, an elite numerous enough for not knowing each other when meeting in a shop of “records and other” ([4]), in the Autumn of 1995 literally appeared a CD nobody was expecting. The result of the work of the two unexhausted and tireless gagsian souls Glezos ( Anx Army) and Paolo M. ( P. T. Damper) here it is, better voilà, on the shop-shelves, SEXY, IPNOTICO Very Original Punk, the first release by the label “El Passerotto” (cat. n. VSOP 101).

The first eleven of the seventeen songs which constitute the album, discarding chronology, are indeed The Gags’ ones: as always you have to decide: with them or against them. Like it or hate it.

The smell of Anx Army, Lamb (who subsequently left hence AA took the guitar role too), Bite (and Stuart towards the end), Ugg Nist (who steps in for Gear …) repertoire is that of army surplus clothing, black rubber paving underground stations (red and green lines), as well as that of gigs lived (and I mean it) mainly, because of their and our state of mind, in the lands of Albion and, with great effort to get them, MC7 filled with audience mono recordings and further recordings (still mainly one channel only) from John Peel sessions which are listened immerse in Lombardy smog.

 

I don’t know if the so rich booklet to be opened into a poster (there is also a promo version of it which is slightly different; being a tactful person I am not telling you about the press file) of that CD had been able to make those who were not there in those in-between two decades days live that dirty but inebriating (not intoxicating) air under the grey (no sun, no shade) of Italy’s economic capital few skyscrapers.

Certainly it was a liked adventure because – promotional releases aside – more is published including material from “The Toggles” (in Italy most think about “gag” only as a “skit”, don’t ask me why), then in 2004 a monographic release for The Gags: Criss-Cross (1979-1981) (VSOP 108) which in its promo version includes also eight more tracks.

Meanwhile, the “Milanese KIAs” of seventy-seven ([5]) are already in intolerable number. Furthermore, some of those who loved the prized cuvée gave him/herself to a musical teetotalism which is hurtful for its practitioners.

Thus no exact overlapping among those who have in their discothèque, keeping it at correct temperature, the “vintages” ([6]) 101 and 108. “Years” which never disappoint.

 

We now reach, after the new album Who’s Afraid Of Virginia Fetish? In 2008, a true twenty years after. We reach [there was a title – given the uncertainties, I omit it].

This time there is not only a lack of objective coincidences, but more; this new anthology is a completely new album with 15 [or else] of the 18 [or else] songs included completely unreleased in any form and the remaining are alternate versions. Furthermore, any release by “the sparrow” label has always gifted its owners with packagings which are per se beautiful and this time you have to see for yourself.

And again, there will be no total correspondence among those who will listen to this new collection, plus there will be the usual latecomers which will remain with empty hands. 

 

According to a certain reading of the term, a fetishist is a lover of the detail, a collector, a perfectionist …. Well, here we are.

 

The caveau of The Toggles will grant us further surprises: I am almost certain.

For instance, almost all are requesting the official, complete, release, of their sole concert: the legendary show held on the 11th of February 1980 in Milano, at the Teatro dei Chiostri for an, invitations only, “sexpeople rendez-vous”.

 

May I add: why not also (but not only) a book collecting artworks, used and unused, and pictures?

 

What about the title of these notes? Well, I was thinking about it the night I have been kindly commissioned to write them: The Gags continue to keep a healthy urgency, even when one of their songs is tasted for the first time after so many years.

In other words: the urgency can age and still remain intact when you need it to be such.

 

Not forgetting to “be happy mosquitos!”, until the next gagsquad elpee.

 

 

                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.

All rights reserved//Tutti i diritti riservati. No part of this work and/or the same in its entirety can be reproduced and/or filed (including by means of electronic systems) for private uses and/or reproduced and/or filed (including by means of electronic systems) for the public without previously obtaining in each and any case, the explicit consent from the author.



[1] I wrote a post in 2014 referring to a couple of deaths: you may count how many other artists died since then. The post is: http://steg-speakerscorner.blogspot.com/2014/03/scricchiolano-le-colonne-e-forse-e-ora.html .
[2] I am not selfish, but in my blog - http://steg-speakerscorner.blogspot.com/ - I wrote and told about it with the discipline of a chronicler from my very first post (which has a translation in English, by the way) and gave, in many of my writings, adequate bibliography and discography for starting a search. Just look for by using the label-words “punk” and “Milano”, especially in the footnotes (which abound). Some parts of the posts in Italian have been published on paper too.
[3] In Italy many think punk was born one year after the UK explosion.
[4] Curiously enough, in Milano after “Tape Art” went AWOL a shop by the name “Supporti Fonografici” (that is “phonographic devices”) opened.
[5] I use these English words also in Italian to have readers always remembering if they were or not “there” in that year.
[6] Indeed, the origin of the word is “vin d’age”.

martedì 25 aprile 2017

STATI D’ANIMO (Tombstone series – 35)


STATI D’ANIMO
(Tombstone series – 35)

 

Auspicabilmente: aggrappàti a un libro.

Frequentemente: “aggràppati a un libro!”

 

 

                                                                                                                        Steg

 

 

 

© 2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa opera – compreso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.

martedì 11 aprile 2017

VIVEVAMO DA RE? (Decibel 2017)


VIVEVAMO DA RE?

(Decibel 2017)

 

Premessa: il verso “Morirò con la faccia al vento” mi piace molto: è tratto da “My My Generation”, canzone che apre e traina (in trasmissione alla radio da febbraio 2017) Noblesse Oblige, terzo album dei Decibel con in formazione Enrico Ruggeri, uscito nel marzo 2017.

Però negli anni, avendo imparato da autodidatta a usare anche internet per le informazioni, controllo e trovo: “Lui che offrì la faccia al vento/la gola al vino e mai un pensiero/non al denaro, non all'amore né al cielo”: canzone di Fabrizio De Andrè, “Dormono sulla collina” ([1]).

Ma la strofa decibeliana – per intero “Morirò con la faccia al vento/Mai contento/Soddisfatto mai” – è una chiamata alle armi, non invece il riposo eterno del guerriero, come conferma il name dropping nella stessa lied di artisti influenti per il gruppo milanese ([2]).

 

Curioso rapporto quello fra il pubblico di Enrico Ruggeri (in accezione solista e non) e lui, l’artista (gli artisti).

Conosco abbastanza, almeno per adiacenza urbana e coincidenza generazionale, questo signore che a sessant’anni si esalta scalciando alto in aria sul palco. Egli non ha mai avuto le ambizioni esibizionistiche da rock ‘n’ roll star, sebbene si sia concesso anche la citazione autocritica in “Una fine isterica” ([3]).

 

Conosco personalmente un pochino altri due Decibel; non i due che hanno condiviso le luci con lui nel 2017, e cioè Silvio Capeccia e Fulvio Muzio.

Che dire? Erri Longhin ebbe una carriera artistica parte di un duo in ambito “dark” (banalizzo), mentre Pino Mancini da circa un quarto di secolo preferisce gestire, anche come pizzaiolo, un piccolo locale in un quartiere storico di Milano.

 

Il concetto di coerenza esistenziale è inafferrabile, persino il concetto perché cercarne anche solo una nozione sarebbe tempo perso.

Ricordo la presentazione di un libro narrativo di Ruggeri: gli chiesi a margine perché non si ristampassero i dischi dei Decibel, lui mi rispose circa che era cosa vecchia e che probabilmente non sarebbe accaduto per molti anni ancora. Era il 16 novembre 2012. Ecco.

Cosa è accaduto? Al di fuori delle versioni ufficiali, evidentemente (e anche di certi gangli giuridici che quasi tutti, cioè coloro che la musica la ascoltano e basta, ignorano).

 

Il titolo di queste righe nasceva per stizza di acquirente ([4]), ma forse ha acquisito altro significato (senza però guardare ad altro ([5])).

Provo a sintetizzare.

Ci siamo noi: che siamo andati avanti, ma senza rinnegare nulla e che abbiamo fatto tesoro di quel che scoprivamo man mano come ho scritto e detto molte volte. Lo spirito del punk: da una canzone arrivi a un libro perché lo cita un artista che ti piace.

 

Poi ci sono gli altri: innanzitutto, e purtroppo per noi, quelli che contrariamente alle nostre sensazioni non erano come noi, bensì semplicemente erano della nostra stessa generazione (di cultura, passioni consumi) e basta ([6]). Per noi sono invecchiati male.

Seguono quelli che mantengono una passione come àncora per andare avanti: se non sono monomaniaci appaiono come tutte le persone che indossano un costume o una tenuta sportiva, e poi tornano agli abiti normali.

 

Sono certo che i fedelissimi di Enrico Ruggeri facciano almeno parte della seconda categoria degli “altri”; ovviamente non mi spingo più in là, non conoscendoli.

Ma che fatica devono fare! Ovvero quelli che al concerto milanese 2017 ([7]) invecchiati (in fondo erano formalmente 40 anni dopo) sono accorsi sotto il palco (secondo istruzioni?) cosa hanno in casa di The Sparks? Cosa conoscono degli Ultravox con John Foxx ([8])? Riconoscono lo stile – riprodotto in modo pedissequo – del tastierista Dave Greenfield (The Stranglers) nei Decibel di quest’anno?

E le figlie – orrore i genitori con i figli: tutti amici e nessuna tensione generazionale positiva – non comprendono che dopo aver ascoltato “Fashion” ([9]), tornate a casa dovrebbero buttare via il loro vestiario?

 

Dunque?

Consci del tempo che passa, ci diciamo, noi i “noi”, che almeno abbiamo vissuto da re o quasi e che non ci sentiamo molto diversi da allora.

Se è così, allora rinnegare il proprio passato sarebbe stupido ed infatti non lo facciamo, e mostrare che una parte di noi è quella di 40 anni fa ([10]) va bene, senza forzare troppo le cose e il nostro aspetto.

 

 

NOTA CITAZIONISTICA: la canzone “Vivo da re” è contenuta nel secondo album dei Decibel, che porta lo stesso titolo. Di essa esistono numerose versioni (anche dal vivo) nella discografia solista di Enrico Ruggeri; altra e più recente versione è inclusa in Noblesse Oblige, il quale comprende in versione deluxe anche una versione in lingua inglese (così fu composta) dal titolo “Leaving Home”. Una sorta di citazione di canzone e album si rinviene nella già ricordata canzone “Una fine isterica”.

Da parte mia, ho pubblicato un post su di essa nel gennaio 2017, nella “songs series”, al solito scritto poco tecnico e molto di impressioni: http://steg-speakerscorner.blogspot.com/2017/01/vivo-da-re.html.

 

 

                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.

Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo – di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore/degli autori.

 



[1] Molto Spoon River nello stile, dall’album Non al denaro non all’amore.
[2] Pratica che ricorda quella di “Thank You” dei Chrisma contenuta nell’album di esordio Chinese Restaurant.
[3] Parte del suo primo album solista Champagne Molotov.
[4] Io, la versione “deluxe” di Noblesse Oblige la ragione.
[5] Mi riferisco a When We Were Kings: film dedicato a Cassius Clay.
[6] Scopri decenni dopo che certi amici erano poca cosa; magari fuochi di paglia travestiti da fini pensatori. Sbadigli assicurati se li rivedessi. Ed allora – inciso fuori tema (ma non troppo) – che senso hanno le cene con i vecchi compagni di scuola?
[7] Teatro della Luna, 10 aprile 2017. Ovviamente scrivo di ciò che ho visto.
[8] Con e senza punto esclamativo …
[9] Non quella di David Bowie.
[10] 38 e ½ circa: i due concerti dell’ottobre 1978 in cui i Decibel aprirono a Milano per Adam And The Ants. Ne ho già scritto.

venerdì 31 marzo 2017

DECANTARE L’URGENZA (The Gags, Milano, punk e oltre, album postumi ancora da pubblicare)


DECANTARE L’URGENZA
(The Gags, Milano, punk e oltre, album postumi ancora da pubblicare)

 

 

Quelle che seguono sono le note di copertina nella loro versione finale di quasi 20 mesi fa dell’album antologico di The Gags, non ancora uscito.

Poiché a un certo punto spiace che certe proprie creature rimangano dimenticate, e considerando anche che la vita non aspetta ([1]), ho deciso di pubblicarle con qualche modesta modifica indicata in parentesi quadra e un sottotitolo.

Quando uscirà l’album delle due … tre: o le mie note saranno utilizzate come sono (esiste anche la loro versione in Inglese), o saranno utilizzate modificate, oppure non lo saranno. Credo sia già successo.

 

 

 

The Gags sono (stati) una band milanese e quindi internazionale.
Tutti gli artisti nati in Italia “perché c’è stato il punk” erano “di X” o “di Y”, tranne quelli della mia città che – anche per assenza di campanilismo – si sono ritrovati a vivere in una dimensione urbana (senza la città non ci sarebbe stato nulla, lo diceva anche Rosso Veleno) in cui lo NME lo compravamo alla Stazione Centrale oppure alla Victoria Station (qualcuno anche alla Gare de Lyon).

 

Tale caratteristica ha immunizzato fin troppo i milanesi, i quali hanno voluto fare sempre tutto da soli e, spesso, solo per se stessi e qualche amico, come con il singolo dei Mittageisen.
Del resto, se non c’era futuro, cosa si doveva “testimoniare” (parola cara agli hippy nostrani) con dei “documenti sonori”? Nulla.

 

La storia del punk e poi a Milano ormai è ben documentata, anche con le mie opinioni ([2]), quindi in queste righe c’è solo una diversa angolazione, soprattutto perché, strano eppure vero, questa antologia di The Gags andrà nelle orecchie e nelle mani di ipotetici fratelli minori e nipoti (noi siamo come i personaggi fantastici: le nostre famiglie non sono convenzionali) di quelli del 1977, sette e non otto.
Niente “questa canzone è”, non sono un musicista, non interessa a me e non interessa a The Gags che io mi esprima nel dettaglio contenutistico dell’album.

 
 

Dopo anni di invisibilità e di altro non futuro, qualche capitolo delle proprie vite aggiunto, una elite abbastanza larga per cui non ci si conosceva più tutti nemmeno nei negozi di dischi e altro ([3]), nell’autunno 1995 appare, letteralmente, un CD che nessuno si aspettava. Frutto del lavoro delle due anime gagsiane inesaurite e inesauribili Glezos (già Anx Army) e Paolo M. (già P. T. Damper) ecco, anzi voilà, negli scaffali SEXY, IPNOTICO Very Original Punk, prima uscita passerottiana (numero di catalogo: VSOP 101).
Le prime undici canzoni delle diciassette che lo compongono, con scardinamento cronologico, sono proprio di The Gags: ed è come sempre necessario scegliere: con loro o contro di loro. Piaccia oppure no.



L’odore del repertorio di Anx Army, Lamb (che a un certo punto lascerà e allora AA sarà anche alla chitarra), Bite (e Stuart verso la fine), Ugg Nist (che sostituisce Gear …) è quello dell’abbigliamento army surplus, della gomma nera dei pavimenti delle stazioni della metropolitana (linee rossa e verde), così come quello dei concerti vissuti prevalentemente, appunto, nelle terre albioniche e, faticosamente, delle MC7 riempite di registrazioni audience mono e radiofoniche (ancora essenzialmente a un solo canale) di John Peel che si ascoltano immersi nello smog lombardo.

 

Non so se il ricchissimo libretto apribile a poster (c’è anche una versione promo leggermente differente, della cartella stampa non vi parlo semplicemente per tatto) di quel CD abbia potuto far vivere a chi non c’era l’aria sporca ma inebriante al grigio (senza sole niente ombra) dei pochi grattacieli della capitale economica d’Italia.


Certamente l’avventura piacque, perché – pubblicazioni promozionali a parte – esce anche altro con registrazioni de I Bavagli (eh sì, perché fermarsi a “gag” come parola che in lingua inglese significa scenetta comica è riduttivo), fino a che nel 2004 compare una monografia fonografica di The Gags: Criss-Cross (1979-1981) (VSOP 108) che nella versione promo contiene anche otto registrazioni in più.
Nel frattempo, i “caduti milanesi” della gioventù seventy-seven sono aumentati in numero intollerabile. Inoltre, qualcuno che amava le cuvèe pregiate si è dato ad un analcolismo musicale deleterio (per chi lo pratica).
Dunque nessuna sovrapposizione perfetta fra coloro che hanno nella propria discoteca, a temperatura ideale, le “annate” 101 e 108. Annate che non deludono mai.

 

Arriviamo così, successivamente all’album inedito Who’s Afraid Of Virginia Fetish? del 2008, a oltre vent’anni dopo. Arriviamo a [… – c’era un titolo – posto che chissà quando uscirà e con che titolo uscirà elimino questo riferimento].
Anche in questo caso mancano coincidenze oggettive, perché si tratta sì di un’antologia, ma di un’altra antologia; anzi di un nuovo album perché delle 18 [saranno poi 18?] canzoni che lo costituiscono ben 15 [o chissà] sono del tutto inedite su disco (almeno per ora è solo vinile) le restanti sono versioni alternative. Inoltre ogni uscita di El Passerotto ha sempre premiato con delle confezioni che sono belle di per sé, e questa volta non esiste spazio per il dejà vu.
Nemmeno si rinverranno totali sovrapposizioni soggettive, cioè in coloro che ascolteranno questa nuova collezione e poi ci saranno i soliti ritardatari mal pentiti che rimarranno senza.

 

Secondo una interpretazione, il feticista è un amante del dettaglio, un collezionista, e quindi un perfezionista. Ebbene ci siamo.

 

I caveau dei Bavagli ci riserveranno altre sorprese: ne sono quasi certo.
Ad esempio, tutti o quasi invocano la pubblicazione in forma ufficiale, e completa, dell’unico loro concerto: il leggendario show tenutosi l’11 febbraio 1980 al Teatro dei Chiostri di Milano per un, a inviti, “sexpeople rendez-vous”.

 

Aggiungo: perché non anche (ma non solo) un libro-raccolta di artwork, utilizzati e no, e di fotografie?

 

E il titolo di queste note da dove arriva? Beh, ci pensavo la sera in cui mi sono state gentilmente commissionate: The Gags continuano a mantenere una salutare urgenza, anche quando si assapora una loro canzone per la prima volta dopo molti anni.

Ovvero: l’urgenza può essere decantabile, eppure restare inesauribile appena serve che lo sia.

 

Dimenticavo: “be happy mosquitos!”, sino al prossimo gagsquad elpee.

 

 

                                                                                                                        Steg

 

 

 

© 2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo – di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto



[1] Avevo scritto un post intitolato “Scricchiolano le colonne”: fate il conto di quante morti artistiche ci sono stati dopo la sua pubblicazione. http://steg-speakerscorner.blogspot.com/2014/03/scricchiolano-le-colonne-e-forse-e-ora.html .
[2] Non per personalismo, ma nel mio blog - http://steg-speakerscorner.blogspot.com/ - ne ho narrato con rigore cronistico sin dal primo post e ho fornito in molti miei scritti adeguata bibliografia e discografia di partenza. Cercate con le parole chiave “punk” e “Milano” e – soprattutto nelle note a piè di pagina che abbondano. Qualcosa di questi post è anche uscito su carta.
[3] Interessante come in città dopo “Tape Art” si fosse passati a “Supporti Fonografici”.

martedì 28 febbraio 2017

NIK COHN (non “Nick”) (Sketches series - 27)


NIK COHN (non “Nick”)

(Sketches series - 27)

 

Sviste a parte, nella mia biblioteca capita che di certi libri abbia due copie (della stessa edizione). Per quanto riguarda Nik Cohn tutto si fa più complesso, ma per quanto qui rileva ho due copie ciascuno del primo e del secondo libro forse essenziali per chi ha una cultura incentrata sul rock ‘n’ roll e quindi sui giovani. In realtà si tratta di un libro e mezzo, o di tre. Vedo di spiegarmi.

 

Al sodo: Arfur Teenage pinball queen è un romanzo, seppur breve, pubblicato nel 1970 ([1]) che in qualche modo fissa tutto e potrebbe essere (depurando il secondo da tutte le parti, molte, esplicitamente erotiche e financo pornografiche) reputato anche il predecessore di The Wild Boys di William Burroughs (uscito nel 1971).

Il titolo dice tutto: la giovane Arfur è una ragazzina fuoriclasse del flipper (“pinball”, appunto).

Cohn, giornalista musicale, in qualche modo con una strizzata d’occhio dice che è lui, ed è vero, l’ispirazione di “Pinball Wizard” di Pete Townshend, contenuta nell’album Tommy, o meglio nella sua versione definitiva: del resto è proprio un personaggio di Arfur a dichiararsi il commissionatore dell’opera rock townshendiana ([2]).

 

La non facile reperibilità, per molti anni, di Arfur o anche solo la non conoscenza della sua esistenza sposta l’attenzione sul regesto (o antologia) che è Ball The Wall, uscito direttamente come tascabile nel 1989 ([3]), sottotitolato Nik Cohn in the Age of Rock, che contiene sia parti del romanzo del 1970 sia del libro che segue.

 

Ma la verità è che non “il” ma “uno” dei libri da comodino di più di una voce autorevole – ad esempio di Richey Edwards, l’autore di testi più apprezzato dei Manic Street Preachers – è Awopbopaloobop Alopbamboom: the Golden Age of Rock del 1970 che è, peraltro, l’edizione britannica di Rock from the Beginning dell’anno precedente.

Il risultato è che l’edizione probabilmente più affidabile (sebbene priva di fotografie) è quella pubblicata nel da Da Capo Press ([4]) con il titolo dell’edizione inglese e una nuova prefazione dell’autore.

Il volume consiste in una raccolta di articoli di Cohn che tracciano il ritratto di alcuni artisti o generi; per tutti valga lo scritto: “England After The Beatles: Mod”.

 

L’autore londinese (classe 1946), cresciuto però nell’Irlanda del nord, non si ferma qui (oltre ad aver esordito come autore letterario nel 1967 con un altro romanzo, il cui protagonista è anche menzionato in Arfur: si tratta di I am Still the Greatest Says Johnny Angelo).

Almeno altre tre sue opere sono da citare.

 

Innanzitutto la, all’epoca negletta (ricordo copie invendute in un negozio di King’s Road nel 1977-1978), opera visuale di Guy Peellaert Rock Dreams (1973), per la quale Cohn curò i testi.

Probabilmente molti conoscono alcune delle immagini dell’artista belga, senza sapere chi egli fosse e che a lui si devono le copertine, fra l’altro, di un album di David Bowie (Diamond Dogs), di uno dei Rolling Stones (It’s Only Rock ‘n Roll) e di uno di Etienne Daho (Pour nos vies martiennes).

Una ristampa per i tipi di Taschen nel 2003 gli ha reso in parte giustizia.

 

A seguire, piaccia o meno, senza di lui non sarebbe esistito il film Saturday Nigh Fever.

Tutto, infatti, trae origine da un suo lungo articolo pubblicato sulla rivista New York nel numero del 7 giugno 1976 ([5]).

 

Infine – in ordine cronologico – forse per mio gusto personale, occorre non trascurare The Heart Of The World (1992), libro dedicato alla arteria stradale non più famosa, ma certamente più significativa sotto un profilo artistico di Manhattan: Broadway (e aree limitrofe). A quanto mi risulta, è l’unica opera dell’autore tradotta in Italiano: Broadway – Storie dal cuore del mondo ([6]).

Tendo ad associarla ad altro pregevole lavoro di ricerca, questa volta a spettro geografico leggermente più ampio (sebbene il respiro dei due testi non sia molto differente), di Jerome Charyn: Metropolis: New York as Myth, Marketplace and Magical Land del 1986 ([7]) dedicato alla “griglia” manhattanita ([8]).

 

Cohn ha scritto poi anche altro e, secondo un articolo del 2 dicembre 2011 di Mark Rozzo pubblicato dal New York Times, starebbe (stava?) lavorando a un’opera narrativa che potrebbe arrivare a 5.000 pagine provvisoriamente intitolata Dirty Pictures.

Chissà.

 

 

NOTA REDAZIONALE

Con modifiche minime (note aggiunte e correzione di qualche errore tipografico), il post riproduce quello commissionatomi da Magazzini Inesistenti (http://www.magazzininesistenti.it/) di cui ignoro la sorte.

 

 

                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.

Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo – di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore/degli autori.

 

 



[1] London, Weidenfeld and Nicolson.
[2] Pp. 145-146.
[3] London, Picador.
[4] New York, 1996.
[5] Reperibile qui al momento in cui carico il post: http://nymag.com/nightlife/features/45933/
[6] Torino, Einaudi, 1993.
[7] Esiste più di una traduzione italiana, tutte con Metropolis come prima parola nel titolo, a partire da quella delle Edizioni e/o.
[8] Charyn qualche anno fa ha peraltro dedicato anche lui un libro alla Broadway.

mercoledì 11 gennaio 2017

“DOVREM[M]O ACCENDERE CANDELE AL ROCK ‘N’ ROLL”: GENERAZIONE” PURTROPPO NON PIÙ “COMBUSTIBILE”? (scritto con la punta del pugnale di un ragazzo perduto)


DOVREM[M]O ACCENDERE CANDELE AL ROCK ‘N’ ROLL”: “GENERAZIONE” PURTROPPO NON PIÙ “COMBUSTIBILE”?

(scritto con la punta del pugnale di un ragazzo perduto)

 

Ce la menano con i baby-boomer e la generazione X (quella di Douglas Coupland, purtroppo per noi, infatti la “g” che le riservo è minuscola).

 

Invece le classi a cavallo fra ‘57 (appunto, cioè Enrico Ruggeri cui devo le citazioni di cui consiste il titolo di questo post ([1])) e ‘62 del ventesimo secolo sono qui, ancora, senza più possibilità di bruciarsi e solo con la prospettiva di consumarsi male.

Parlo dei maschi pre-andropausa, ché le femmine hanno pure la menopausa ad arrivare prima.

 

Facciamo il punto?

Chi ha potuto non ha gettato la propria gioventù, fatta anche di oggetti (ecco perché ho scritto altrove di magliette provocatorie: “Destroy”, “Cowboys” e “Tits”) e almeno può fustigarsi e poi leccarsi le ferite auto inflitte - che comunque significano lucida e orgogliosa coscienza del proprio passato - e magari raccontare qualcosa.

 

Otto lustri fa “no future” significava il nulla davanti.

In fondo non era male: voleva dire bruciarsi nel fiore degli anni: nessuno pensava a una propria famiglia, nessuno.

 

Oggi il futuro mancante invece significa per tutti coloro che non si ribellano intellettualmente e soccombono alla quotidiana routine: sopravvivere fra scadenze ansiogene di pagamenti che non consentono assenze di oltre due settimane oppure una banca che paga tutto senza nessun controllo; figli da mantenere; un/a coniuge (o ex).

 

Alza la testa ribelle ‘77!

Per fare cosa? Per essere vivo, evidentemente. Per pensare.

Per non essere quello che 40 anni fa sarebbe stato bersaglio dei tuoi stessi sputi: ricordi gli eroi per un giorno? I ragazzi che “oscillavano” bowianamente? Il quarto di secolo di vita come data di propria scadenza? Non ti vergogni di quel che sei diventato anziché bruciare (cfr. Neil Young)?

 

La dignità comincia da se stessi.

 

Vogliate accettare con benevolenza le sbavature nella forma e gli artifici pirotecnici di questo scritto.

Non il suo contenuto, che è lucido e preciso e quindi non chiede alcuna comprensione di comodo.

 

 

                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2014-2017 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.

Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera – incluso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/o archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/o archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.

 



[1]
Rispettivamente dalle canzoni “Decibel” e “Generazione combustibile”. La “m” in parentesi quadra è una licenza poetica.

“VIVO DA RE” (Song series - 5)


“VIVO DA RE”
(Song series - 5)

 

“Vivo da re” è la sola canzone dell’epoca Decibel che è passata indenne nel repertorio di Enrico Ruggeri solista.

 

Purtroppo, chi non dispone dell’originale versione di studio (quella tratta dal secondo, del 1980, e ultimo per 37 anni, omonimo, album della formazione) è destinato a doversi accontentare - non essendo mai stata nemmeno reincisa ([1]) di versioni soltanto ammiccanti e, diciamola tutta, un po’ slabbrate come possono essere e sono le versioni dal vivo ([2]) rinvenibili nella discografia ruggeriana.

Basti pensare alla perdita dell’apertura, dove la voce è isolata e senza musica: un vero vuoto spaziale solitario: a chi parla il protagonista? Dove si trova?

 

Si tratta di una canzone che ha più piani di lettura.

 

Quello di immediata evidenza è  il “compiacimento pentito” della voce protagonista.

Egli apre la porta alla ragazza ideale, conosciuta ma perduta. La tratta da pari.

Ecco l’idea femminile: amante e compagna, migliore amica più degli amici.

Pensate alla Lula fidanzata di Sailor di Wild At Heart. La donna e l’uomo reciprocamente ideali devono essere partners in soul crime 24/7/12.

 

Probabilmente - dato che la canzone per nascita precede di anni gli stessi Decibel - Enrico Ruggeri parla a una ideale ragazza che non ha ancora perso perché nemmeno la ha conosciuta.

Ecco allora un livello pubblico, puramente maschile: l’io cantante dà voce all’ascoltatore.

 

Ma passano gli anni.

Perciò si forma un terzo livello di fruizione della canzone.

Meno evidente, certo, ma incombente per chiunque non si rassegna o cerca di non farlo.

È quello di chi si rende conto che era meglio vivere da solitario re che non da adulto (quasi vecchio?).

Perché i sogni sono finiti e volare da ragazzo perduto si fa sempre più faticoso, anche per chi ha la fortuna di non avere figli ([3]).

La gioventù ti lascia, la mamma muore/Te restet come un pirla col primo amore” ([4]). In realtà si resta spesso soli, per lo meno sostanzialmente (il primo amore è di regola inadeguato e, eventualmente, anche limitante se ne ha impediti altri), e si è persa anche la corona.

 

In fondo sto commentando una variante al tema di descrizione di fine delle idee, dei progetti, della invulnerabilità giovanile ... “Oh God I’m still alive” ([5])! Al compimento dei 25 anni tutto è perduto ([6])?

 

Faticoso per faticoso (il suo reperimento ([7])), isolate anche talune strofe dall’eponima “Decibel” che chiude lo stesso secondo album: l’io cantante rimane ancora e inevitabilmente solo come in effetti poi sarà, magari con qualche rimpianto dato quanto Ruggeri canta in “Una fine isterica” ([8]) dove forse non a caso si cita quasi testualmente “Vivo da re”.

 

NOTA TECNICA: questo post è stato scritto ascoltando canzoni degli artisti ivi citati.

 

 

                                                                                                                      Steg

 

 

 

© 2013-2017 Steg, Milano, Italia.

Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera – compreso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.

 



[1] Quanti siano gli zampini che precludono la ristampa, e addirittura l’inclusione di qualche registrazione in antologie fonografiche davvero degne di questo nome della produzione iniziale del cantautore milanese si fa fatica a comprendere.
[2] Qualche lettore di questo blog già lo sa che non le amo molto, anche quando sono esecuzioni di capolavori. Considerate che il pubblico non ha mai, siccome massa, la dignità dell’individuo.
[3] Opinione assolutamente personale, naturalmente. Fra i miei maîtres a penser ho Peter Pan, ma di mio, in età adolescenziale, notai che “nessuno ha mai chiesto di nascere” (molti anni dopo scoprii che anche il filosofo Emil Mihai Cioran – allora ancora vivo – la pensava come me (o io come lui, ma indipendentemente l’uno dall’altro).
I figli degli idoli, non dei, non contano, loro non esistono, divorati dai padri (e dalle madri) alla cui ombra trascorreranno l’intera vita.
[4] “Porta Romana” di Umberto Simonetta per il testo.
[5] “Time” di David Bowie. In alternativa: “Don’t want to stay alive/When I’m twenty-five” da “All The Young Dudes”, ancora di David Bowie.
Diversamente, rinvio a Cioran: “Chiunque non sia morto giovane merita di morire” (da Il funesto Demiurgo).
[6] Che erano già trascorsi da alcuni mesi quando Bowie scrisse quella canzone.
[7] Più rara l’edizione in vinile (volendo esiste un singolo) o quella in CD dell’album, ormai? E la riedizione in cofanetto della primavera 2017 cambierà le cose, poi?
[8] Tratta da Champagne Molotov, suo primo album solista che da questa canzone è “aperto”.