"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



lunedì 12 settembre 2011

A PROPOSITO DI “EXPANDED EDITION” DI ALBUM PIÙ O MENO FONDAMENTALI

A PROPOSITO DI “EXPANDED EDITION
DI ALBUM PIÙ O MENO FONDAMENTALI

Completismo o insicurezza? Queste sono le due tendenze motivazionali che si possono facilmente riferire agli appassionati di musica come loro ragioni prevalenti degli acquisti di nuove edizioni, più o meno ampliate, di album ([1]) che sono reputati degni di una sorta di edizione critica.

Due assidui lettori di questo blog (nomi omessi more solito per proteggere gli innocenti) sono contrari alle operazioni di ripubblicazione del genere.
Io tendo al completismo, però non nascondo disappunto e delusione per talune iniziative dove di interessante c’è poco e si tende ad equiparare quanto è registrato in studio con quanto registrato dal vivo (come se fossimo sempre in presenza dei Grateful Dead nella formazione storica), cui volendo può anche aggiungersi il fatto che la edizione originale per anni divenga irreperibile ([2]).

Poi c’è la autentica ignobile farsa delle rimasterizzazioni; quella dell’autunno 2011 per The Smiths è la prova suprema, perché essa è proposta in cofanetto indivisibile che include anche le antologie (salvo poi fra qualche mese procedere a vendita separata dei vari album?) senza che esso abbia un plus che possa invogliare all’acquisto ([3]).
La gestione del catalogo di questi ultimi artisti e di quello di Morrissey solista ha davvero dell’incredibile (o peggio), di ciò evidentemente ne sono responsabili anche i diretti interessati, in un modo o nell’altro.

Però gli esempi si sprecano e il ridicolo di alcune iniziative lo si comprende nella necessità per chi crea e commercializza questi puri “prodotti” di enfatizzare il concetto di deluxe edition: cercate la “über” di Achtung Baby se volete un esempio calzante.

A peggiorare il tutto, certi impacchettamenti abbinati di CD e vinile (perché non necessariamente si desiderano entrambi, e in certi casi già si possiede il vinile originale oltre magari alla precedente versione in CD) e l’immancabile download più o meno esclusivo e/o gratuito di qualche registrazione.

In sintesi prezzi anche esorbitanti, materiale in eccesso, talvolta aggiunte ridondanti e – dato più importante – disinteresse (di venditori e compratori, nessuno è innocente) per come effettivamente si ascolterà ciò che si è comprato.
Perché le compressioni effettuate dai software spesso sono radicali, l’ascolto in cuffia si svolge in ambienti ostili, eccetera.

Prima di ogni acquisto pensateci quattro volte, anche se non vi state orientando per l’edizione con tavola da surf vera di Smile dei Beach Boys.

Del resto, come mi disse una volta un bravo A&R italiano: le belle canzoni suonano bene su un nastro magnetico normale inserito in una mediocre autoradio.


                                                                                                                      Steg



© 2011 Steg, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.



[1] Evidentemente sto scrivendo di musica e di fonogrammi.
[2] Piuttosto noto il caso di Raw Power di Iggy and the Stooges, che rimase per oltre due lustri indisponibile nella versione, originale, mixata da David Bowie a causa della commercializzazione della versione mixata da Iggy Pop. Risultato: provate oggi a vedere quante versioni potete trovare di questo fondamentale disco.
[3] Il contrario di Direction, Creation, Reaction di The Jam.
Ma restando in “casa Warner” con i Joy Division fu tentato qualche cosa di meglio per lo meno aggiungendo delle registrazioni dal vivo che potevano anche interessare.

1 commento:

  1. Aspetta, aspetta: in che senso quella degli Smiths è una farsa?

    RispondiElimina