"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



mercoledì 25 luglio 2012

CE LE SCRIVIAMO E CE LE LEGGIAMO


CE LE SCRIVIAMO E CE LE LEGGIAMO



Premetto che non essendo un critico letterario, potrò anche scrivere pensieri non completamente originali.



La mia impressione è che ci sia un’inutile tendenza – di cui fanno parte anche i blog ma essi sono meno invadenti – ad eccedere in una memorialistica da minimalisti (o neorealisti) di infima categoria.



Ad esempio, c’è tutta una letteratura, prevalentemente anglosassone (almeno per ora), fatta delle vicende, che possono divenire pregevoli solo se raccontate benissimo, di gioventù modeste e simili a molte altre, ma buttandoci dentro due cosette di musica tanto per attirare i fan di quell’artista (spesso David Bowie).
Insomma roba alla Hanif Kureshi ma tardiva e non scritta benissimo.



Allora occorre cercare di resistere alla tentazione, appunto, di comprare libri dove soltanto si legge quel che potremmo scriverci da soli.



Meglio quelle antologie dove la musica è solo ispirazione o sfondo. Ricordo ad esempio una raccolta di racconti di autori francesi ispirata al canzoniere di The Clash piuttosto godibile.





                                                                                                                      Steg







© 2012 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo –di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.


Nessun commento:

Posta un commento