"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



giovedì 25 agosto 2011

“EXCUSE ME ARE YOU A MOD?” OVVERO “OH MUMMY WHAT’S A SEX PISTOL?”



“EXCUSE ME ARE YOU A MOD?”
OVVERO “OH MUMMY WHAT’S A SEX PISTOL?

 
“Excuse me are you a mod?”
La domanda proviene da una voce cristallina che mi sveglia da un sonno davvero precario, sono sdraiato su un’ampia “spalletta” nell’atrio di Euston Station.
Certo che avvolto io nella mia parka e con un pork-pie hat calato sugli occhi forse un poco di ironia nella punkette che mi apostrofava c’era.
 

Ma era mattina, e dopo la serata del 26 agosto 1979 di chiusura della March of the Mods al Lyceum (Tony Face non lo ho visto …), con il successivo vagare notturno per London fino a questo ricovero, devo avere fatto un mezzo sorriso e lanciato una occhiata divertita alla “Prima Parka di Milano” e dopo i saluti, con il tube sono tornato all’Alloggio Angolo Portobello per qualche altra ora di sonno. Ben poco perché era bank holiday con il Notting Hill Carnival in pieno svolgimento e il corteo di sound system sotto un sole benevolo non passava certo inosservato e sopratutto inaudito; un sorriso stirato, ossequi al dub e a Paul Simonon (pre “Guns of Brixton”) e quindi in giro per il quartiere, che altro fare avendo optato per non andare sulla costa 25 anni dopo Margate ([1])?

 

Giorni prima al London Nashville una skinette mi aveva apostrofato, non ancora incominciato il concerto dei Madness, e mi graziò (per lei restavo un wop; diversamente sarebbe stato un trattamento ben descritto in “Down In The Tube Station at Midnight”) poiché non lavoravo rubando il posto ai Britons ([2]); ma mi consigliò anche Meaty, Beaty, Big and Bouncy ([3]) ed io che pensavo mi prendesse in giro il giorno dopo le fui grato.

 

Il problema era che nella estate del 1979 gli Italiani vocianti con dozzinali T-shirt dei Sex Pistols al Marquee erano un oltraggio per i kid ‘77.
Così a un concerto de The Chords decisi che si doveva cambiare per restare se stessi, ma con finalità antitetiche al Gattopardo ed ecco l’origine delle mie piccole avventure londinesi in sta-prest, Ben Sherman and so on.

 

For the record: a Portobello nell’agosto 1979 si comprarono Join Hands e Cut ([4]) prima che arrivassero nei negozi.
Oltre a code infinite per ascoltare The Ruts al Marquee.
Non è solo Mods Mayday e All Mod Cons ([5]) dunque.

 

Del resto nei successivi mesi milanesi la parka con il badge di Sid Vicious al bavero o la mia presenza al concerto dei Damned al Teatro Orfeo erano conferme del fatto che io avevo jumped OFF the bandwagon.

 

Ecco forse vi ho appena parlato anche dei Manic Street Preachers (“Oh mummy what is a Sex Pistol?”: geniale non intitolare cosi la canzone bensì “Jackie Collins Question Time”): la potenza testuale e sonica di The Holy Bible ([6]) – in seguito si rinviene solamente in Journal For Plague Lovers.

 

Senza pretese di interpretare l’altrui pensiero, e ricordando che “Oh mummy what’s a Sex Pistol” era lo slogan di un tardivo – 1978? – badge inneggiante ai Pistols, rammento la perenne fatica di non essere soffocati dalla omogeneizzazione nel 1977, nel 1979, nel 1985-86 in Wales, oggi e domani e ovunque.

 

 

                                                                                                                                  Steg

 

 

 
© 2011, 2014 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo –  di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.





[1] A scelta: o il retro di copertina di “White Riot” di The Clash o direttamente a compulsare Generation X di Jane Deverson e Charles Hamblett
[2] In realtà facevo l'aiuto magazziniere a Milton Keynes, ma era solo un lavoro estivo (prudenzialmente non ne parlai).
[3] The Who.
[4] Rispettivamente secondo album di Siouxsie and the Banshees e album di debutto di The Slits.
[5] Il primo un’antologia di gruppi nuovi che però vede grandi assenti i Purple Hearts (le riedizioni  ovviamente sono altra cosa), il secondo è l’album di The Jam fondamentale (e infatti nemmeno so perché lo preciso, ma ho deciso di rivedere, nel 2014, questo post e dunque siamo ad usum cretini…).
[6] Non a caso recensito ottimamente da Kerrang!.


Nessun commento:

Posta un commento