"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



giovedì 8 maggio 2014

VIVA VIV (ALBERTINE)! (con un obiter dictum sul punk a Milano)


Viv, Keith e Mick pre-punk
(fuori dallo squat in Davis Road)

 
VIVA VIV (ALBERTINE)!
(con un obiter dictum sul punk a Milano)

 

Una delle cose più tristi del punk in Italia era questo suo “bynumberismo” ([1]): “facciamo come in Inghilterra” ([2]).
Ecco quindi che nascono le Clito (sicuramente sarò smentito) ([3]) ovvero “le Slits italiane” ([4]) ([5]): compaiono al “solito” Sabatok Folle milanese del 9 dicembre 1978 e non lasciano grandi tracce ([6]).
 
Invece, The Slits sono the real thing.
Il loro pedigree è impressionante ([7]), e poi non sapevano suonare davvero. O no?: la solita storia del punk: è stata una scena di eroi, quella vera.
 
Ebbi la fortuna di vedere e ascoltare questo “bunch of really naughty girls” ([8]) nell’agosto 1978 al Music Machine, aprivano per qualcun altro: ero in prima fila ([9]). Dopo il concerto incrociai Tessa: scortesemente si firmò Jimi Hendrix, mentre Palmolive si firmò Paloma, mi pare con un lezioso svolazzo. Era come aver partecipato a una campagna militare, in quanto fino ad allora a parte un generoso feature in 1988-The New Wave Punk Rock Explosion di Caroline Coon non si sapeva quasi nulla di loro, a meno di essere riusciti a intercettare le due sessioni (per noi italiani appunto quasi degli stealth) di John Peel ([10]).
Come noto, Palmolive lasciò poco dopo e subentrò alla batteria Budgie (pre-Banshees): le/li vidi due sere consecutive ad aprire per The Clash al London Lyceum, il 28 e 29 dicembre di quell’anno. Salda alla chitarra sempre la bionda Viv Albertine.
 
Quando The Slits si sciolsero nel 1981, era ormai diventato più chic parlare delle Raincoats., noi ce la tiravamo di più con i New Age Steppers.
Ma un occhio aperto e un orecchio teso si sono sempre tenuti, per tutte e quattro le ragazze.
Con Viv per diverso tempo dedicatasi alle arti audiovisive, lei che era ed è ancora fra coloro che parlano bene di Sid Vicious avendoci vissuto insieme (e suonato nel 1976), lei che aveva imparato a suonare la chitarra con l’amico d’infanzia Keith Levene, lei che arriva ne The Slits già esistenti (dopo il loro primo concerto) e le pettina “come le New York Dolls”, lei che nel 1978 stava con Mick Jones.
 
Si riuniscono The Slits nel 2005 sans Viv et sans Palmolive; muore Ari Up improvvisamente nel 2010.
 
Intanto, Viv dopo venticinque anni riprende a suonare nel 2009 – preferibilmente una Fender Telecaster ([11]) vissuta (che lei porta anche molto bene, ma lei sembra ancora una ragazzina, mentre ormai è una ragazza ([12])) e un amplificatore Marshall, ed eccola riapparire nel 2010 con un EP autoprodotto più che dignitoso: Flesh.
Ci sorprende di più, e in meglio, con l’album The Vermillion Border alla fine del 2012 ([13]).
Ormai tutti millantano incondizionata passione e valore per le fessure londinesi seventy-seven, ma noi ovviamente sappiamo che non è vero ad ascoltarle siamo sempre i soliti.
 
E adesso? E adesso, a parte un altro album che pare scomparso nel nulla (forse in quanto è crowdfunded e quindi prima finanzia, poi registra, poi pubblica?), arriva con un film in cui è coprotagonista ([14]) e con le sue memorie scritte dal titolo tongue in cheek: Clothes Clothes Clothes Boys Boys Boys Music Music Music.
 

Ripeto: Viva Viv!

 

 

                                                                                                                      Steg

 
POST SCRIPTUM
 
Un paio di bonus:

 

 

© 2014 Steg E HTTP://STEG-SPEAKERSCORNER.BLOGSPOT.COM/, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte – compreso il suo titolo – di questa opera e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore/degli autori.





Viv, 17 years old at art school.
Biba tights, Terry de Havilland boots, home-made top
(dal suo sito ufficiale)




[1] “By numbers”: come quei quadri in cui si riempiono gli spazi secondo i colori.
C’è un album di The Who: The Who by Numbers, appunto, nel quale la copertina è da completare sia con colori sia con tratti.
Per anni non avevo mai pensato a questo modo di dire finché un giorno il mio amico Fred Ventura lo usò per definire qualcuno.
[2] Pessima abitudine di confondere l’uno con il tutto: e la Scozia, e il Galles …?
[3] Rinvio al libro di Claudio Pescetelli, Lo Stivale è marcio (Roma, 2013), pagg. 173 e ss.  per la versione ufficiale , cioè quella di chi probabilmente è ancora vivo.
[4] Sono invece la creatura di Anna Rosso Veleno secondo la versione di Elettro & Glezos: Punk alla carbonara – rhinestone nubile edition (Milano, 2012), pag. 82.
[5] Perché non “le Runaways de noantri”? Probabilmente in quanto il quintetto californiano non era abbastanza punk per essere imitato e poi sapevano suonare.
[6] O meglio: a detta di Claudio Pescetelli una certa Coletti Giovanna cerca di parteciparvi e poi fonda le Kandeggina Gang: cioè le ispirate dalle Clito (non le Raincoats italiane).
[7] Per chi non ama le scorciatoie, ma è giovane: http://www.punk77.co.uk/groups/slits.htm.
[8] Parola di Viv, Viviane Katrina Louise.
[9] Dei ragazzi svedesi conosciuti qualche sera prima furono così gentili da inviarmi anche una foto in cui, con buona volontà, mi identifico.
[10] Curiosamente, siccome i bootleg si facevano ancora e anche usando quel che capitava, il bootleg di Siouxsie and the Banshees intitolato Metal Shadows (Impossible Recordworks) contiene - per errore - anche una canzone di The Slits.
[11] Il suo sito ci ricorda che: “Bought Les Paul Junior with £200 my grandmother left me”. Dunque non trascura le Gibson.
[12] Certo lei vezzosa ha intitolato una sua canzone “Confessions of a MILF”, così magari finite anche su siti internet imbarazzanti, ma sappiamo che lei è una delle poche che bara dichiarando più anni di quelli che ha.
[13] Peccato esso non contenga anche la canzone “Needles” (peraltro del 2010), sorta di brevissima epica londinese 1975-1976 in cui siamo anche informati che Viv non andò mai oltre le anfetamine.
Ne esiste, fra l’altro, una versione eseguita al Meltdown Festival nel giugno (almeno la sera del 17) 2013: lei apriva con il suo gruppo per Siouxsie. Phew!
[14] Exhibition di Joanna Hogg.

1 commento:

  1. Tutto molto interessante, Steg. Qualche ovvia annotazione:

    a) Le Clito SONO ECCOME idea/iniziativa di Rosso Veleno, fiancheggiata da Lilia Pinky Footies (soprannome datole da Tonito, suo ex boyfriend). Fatto inoppugnabile e documentato in 'Punk Alla Carbonara' è la loro partecipazione all'ultimo album degli Area dei bei tempi che furono,'1978, gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano' (il brano è 'Vodka Cola', con un finale doo-wop nel quale le Clito fanno da coriste un po' alla Silviotta Annichiarico);

    b) Le Clito viste al Sabatok Folle non hanno alcuna parentela con la primissima versione della cosiddetta band. Non c'entra la Giovanna e non c'entrano la beneamata cippa tutti gli altri/altre. Lasciate che ne parlino, chi lo fa non era lì e di conseguenza non sa e non conta un proverbiale cazzo;

    c) Eh, quando le Slits le vedemmo all'Odissea 2001 non erano già più loro. Suonavano meglio, Budgie eccetera eccetera, ma non erano loro;

    d) Ribadisco quanto ti ho già detto in privato: molti gruppi sono arrivati tardi al fatidico primo album, che di conseguenza suona come un terzo o un quarto senza i primi tre. Il caso delle Slits è esemplare;

    e) Beh, sarà stata scortese, ma Tessa che autografa come 'Jimi Hendrix' è grandiosa;

    f) Quoto Rosso Veleno: "A migliaia di chilometri da qui, e mai per merito vostro".

    RispondiElimina