"Champagne for my real friends. Real pain for my sham friends" (used as early as 1860 in the book The Perfect Gentleman. Famously used by painter Francis Bacon)



sabato 16 febbraio 2013

IL BLOG TRAVESTITO DA LIBRO (Sniper series - 9)


IL BLOG TRAVESTITO DA LIBRO

(Sniper series - 9)

 

Di regola diffido di qualsiasi opera letteraria attuale, cioè nuova, venduta ad un prezzo superiore a 10 centesimi a pagina.
 
Ma forse c’e` una nuova insidia: il blog travestito da libro.
 
È stato pubblicato nel febbraio 2013 Siamo nella merda, di Paolo Villaggio ([1]).
Anche se l’editore è Mondadori e non una stampante a casa dell’autore, il libro è soltanto una raccolta di post - anzi di grandi tweet, perché siamo quasi a battute allungate (non discuto della bontà del loro contenuto) non degne di essere aforismi, senza titoli - nemmeno corredata da un indice, nulla!, tratta dall’inesistente blog dell’autore.
Troppo comodo ([2]).
E poco importa se esso si può trovare nuovo con il 40% di sconto.
 
Ennesima “perla” nel mondo dell’editoria italiana, che fatica e propone spesso volumi sempre più cheap per contenuti o veste editoriale (non copertine ma loro struttura) e si inventa le promozioni editoriali con il 25% di sconto,  dopo avere per anni osteggiato gli sconti liberi dei librai.
 

 

                                                                                              Top Shooter

 

 

 

© 2013 Top Shooter
     © 2013 Steg, Milano, Italia.
Tutti i diritti riservati/All rights reserved. Nessuna parte di questa opera – incluso il suo titolo – e/o la medesima nella sua interezza può essere riprodotta e/od archiviata (anche su sistemi elettronici) per scopi privati e/o riprodotta e/od archiviata per il pubblico senza il preventivo ottenimento, in ciascun caso, dell’espresso consenso scritto dell’autore.


[1] Nel suo complesso apprezzo Villaggio, a parte forse una certa escatologia nei titoli, la sua autobiografia del 2002 si intitola Vita morte e miracoli di un pezzo di merda, e certa ripetitività (necessaria?) biografica nella successiva Non mi fido dei santi del 2011.
[2] Pensare che ai tempi si vociferava che il doppio album Stage di David Bowie fosse il modo per “completare i suoi obblighi contrattuali con RCA.

Nessun commento:

Posta un commento